lunedì 31 ottobre 2011

Pirates of the Burning Sea, un MMORPG gratuito sui pirati


Pirates of the Burning Sea è un mmorpg completamente gratuito sviluppato dalla Sony e ambientato nell'anno 1720.

Nel gioco potremo impersonare un naval officer, un privateer, un freetrader, un bucaneer oppure un cutthroat, i primi 3 che ho citato sono le classi disponibili se si sceglierà una di queste 3 fazioni: Inghilterra, Francia o Spagna, mentre il bucaneer e il cutthroat appartengono alla fazione dei pirati.



La differenza sostanziale tra le varie fazioni è che l'Inghilterra, la Francia e la Spagna si basano molto sul crafting ( quindi sul creare oggetti dopo aver raccolto risorse ) e non possono prendere il controllo delle navi sconfitte, mentre i Pirati possono prendere il controllo delle navi sconfitte e il crafting per loro è quasi assente ( dato che saccheggeranno le altre navi ).
Per quanto riguarda le classi del gioco invece, il naval officier è quello che dispone delle navi più pesantemente armate e corazzate, però anche delle più lente, il privateer dispone di navi veloci però armate in modo leggero ( infatti conta molto sull'agilità della nave ), il freetrader dispone invece di navi con una stiva molto capiente ed è una via di mezzo tra il privateer e il naval officer come armamenti, il cutthroat e il bucaneer hanno le stesse navi, l'unica differenza sono le abilità e i bonus, infatti il bucaneer a differenza del cutthroat dispone di skill d'attacco e difesa molto forti ( diciamo che, insieme al naval officer, è il tank del gioco ) mentre il cutthroat dispone di skill d'attacco e velocità ( è un pò come il privateer ).

I combattimenti si svolgeranno sia per mare che per terra, infatti già dal tutorial capiremo i veri metodi di combattimento ma soprattutto come combattere ;), riguardo a questa parte del gioco devo dire che i combattimenti per mare sono fatti molto bene, infatti bisogna ( come per la navigazione normale ) tenere conto del vento, della direzione e molte altre cose, ma lo stesso non si può dire per quelli di terra, infatti sono abbastanza statici.

Il mondo di gioco è quello tipico di questo genere, ovvero i Caraibi, di conseguenza è molto vasto ma soprattutto non c'è nulla di inventato, infatti le città sono quelle reali ( o almeno, quelle che c'erano a quei tempi :D ).

Un altra cosa elaborata molto bene di Pirates of the Burning Sea è il sistema economico, infatti è molto articolato e ci vorrà un pò per capire come funziona.
Ricapitolando, Pirates of the Burning Sea è sicuramente un gioco da provare per gli amanti dell'epoca piratesca.

Ah giusto ! Scaricate il gioco tramite lo Station Launcher della Sony, altrimenti ci impiegherà 2 anni con il client normale: Sony Station Launcher

VOTO:
Grafica: 7
Audio: 7
Trama: 7
Longevità: n/a

PRO:
- gratuito
- 4 fazioni e 5 classi tra cui scegliere
- personalizzazione del personaggio molto ampia
- combattimenti navali realistici
- navigazione realistica
- mondo di gioco vasto e reale
- guerre per la conquista di porti
- complesso sistema economico

CONTRO:
- solamente in inglese
- non ci sono ne pochi ma neanche tanti giocatori
- molti lag durante i combattimenti sulla terraferma
- la grafica in alcuni punti non è molto curata
- città un pò...spoglie
- i giocatori premium ricevono molti vantaggi rispetto a quelli gratuiti

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...