venerdì 18 gennaio 2013

Cosa tenere in considerazione scegliendo un programma di grafica 3D


In un articolo precedente ( http://www.informatichissimo.net/2013/01/cose-la-computer-grafica-e-perche-e.html ) avevo spiegato cos'è la grafica 3D e gli ambiti dove si utilizza maggiormente, oggi vorrei parlarvi di come iniziare a fare grafica e, per farlo, bisognerà prima di tutto scegliere un software da utilizzare.

Per fare questo però, bisognerà farsi delle domande sull'uso che ne faremo e su altri aspetti del mondo della grafica tutti molto importanti per iniziare nel migliore dei modi.

Cominciamo subito col dire che non esiste un software migliore di un altro, sono infatti tutti allo stesso livello, le uniche cose che li differenziano sono principalmente 3:



1) Il fatto di essere a pagamento oppure no: Molti software sono a pagamento e costano anche un bel po' ( per fortuna ci sono le versione trial o per studenti ), come per es. Autodesk Maya o Cinema 4D, mentre altri sono completamente gratuiti come Blender.

2) L'area di lavoro dove eccellono di più: Infatti, se di base sono tutti uguali, ci sono determinati programmi che  si "distinguono" di più in determinati settori di lavoro, come per es. l'animazione o la modellazione.

3) L'interfaccia: Ovviamente, ogni software ha una sua personale interfaccia, ed è per questo che è caldamente consigliabile ( almeno all'inizio ) concentrarsi solamente su un solo programma e non su tanti.
Infatti, una volta imparate le basi della grafica e una volta imparato ad usare bene un programma sarà facile passare ad un altro senza troppe complicazioni.

Detto questo, passiamo a spiegare i concetti chiave nella scelta di un programma, anzi, del primo programma di grafica:

Primo punto: Qual'è il settore della grafica che più mi piace ?

Questa è una domanda fondamentale che tutti dovrebbero porsi prima di scaricare o comunque utilizzare un qualunque tipo di software, ovvero "Qual'è il settore della grafica 3D che più mi piace e in cui vorrei specializzarmi ?".
Faccio un es. vi piace di più la modellazione, l'animazione o la creazione di effetti speciali ( fuoco, acqua, esplosioni etc. ) ?

Rispondendo a questa domanda avrete già una marcia in più nella scelta del programma, scartando a priori quelli meno adatti.

Secondo punto: Ho intenzione di lavorare per uno studio di grafica oppure come freelance ( libero professionista ) ?

Se volete lavorare da indipendenti, allora, potrete utilizzare il software che vi pare e che vi fa più comodo, ma se avete intenzione di lavorare in uno studio, allora, è consigliabile ( ma non obbligatorio ) imparare il programma che richiedono loro.

Questo secondo punto tenetelo in considerazione ma non troppo, mi spiego meglio, la grafica è uno di quei campi in cui conta quasi solamente la tua bravura e solo dopo viene il programma che utilizzi, infatti a molti studi ( di medie e di grandi dimensioni ) basterà vedere le tue abilità e passeranno tranquillamente sopra al programma utilizzato, anche perchè gli studi di grosso calibro come Pixar o Dreamworks utilizzano software proprietario ( quindi creato esclusivamente per loro ) perciò è impossibile conoscerlo ed utilizzarlo "normalmente" a casa ;).

Terzo punto: I soldi

I soldi, nel bene o nel male, ci sono sempre e, purtroppo, sono una di quelle cose da tenere in considerazione in un campo come questo.
Infatti la maggior parte dei software commerciali hanno un costo molto ma molto alto ( si va dai € 800 fino ai 4000 € per un programma ) che non tutti possono permettersi.

Quindi le scelte sono 3:

- Mi scarico la versione per studente ( non tutti i programmi c'è l'hanno ): Devi essere uno studente delle superiori o dell'università, la licenza dura solo 2-3 anni e non puoi utilizzarla per scopi commerciali.

- Mi scarico la trial/demo: Questa è la scelta più sconsigliabile, visto che la licenza non si può usare per scopi commerciali e dura solamente 30 giorni in media, un tempo assolutamente insufficiente per imparare ad utilizzare un qualsiasi programma.

- Uso un software gratuito: Molti pensano che software gratuito= scadente, non è cosi ! La prova più lampante è Blender http://www.blender.org/ un programma completamente gratuito ed open source che ha raggiunto nel tempo i livelli dei software commerciali come Autodesk Maya o 3D Studio Max, tant'è che molti studi l'hanno adottato come programma principale.

Ricordo che Blender è utilizzabile sia per scopi commerciali che non commerciali.

Questi ho scritto sono secondo me sono i punti e le domande fondamentali da chiarire per iniziare nel migliore dei modi, vi ricordo inoltre che a breve pubblicherò degli articoli riguardanti i software più famosi ( commerciali e non ) presenti sul mercato, con descrizione, pro e contro di ognuno, quindi restate con noi ;)

1 commento:

  1. questi sono alcuni buoni consigli. liberi professionisti sono più economici, ma le agenzie sono più affidabili

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...