martedì 10 febbraio 2015

Disponibile ZBrush 4R7, ecco le principali novità


Annunciato da tempo è ora finalmente disponibile al download, il nuovo ZBrush 4R7 ( diretto successore di ZBrush 4 ) porta con sé diverse migliorie e funzioni per la modellazione organica ed inorganica, ed è soprattutto su quest'ultimo punto che si concentra questa nuova versione.

Innanzitutto partiamo col dire che questa sarà l'ultima versione col nominativo "4", infatti la prossima si chiamerà ZBrush 5 e segnerà l'inizio di un nuovo percorso di sviluppo e, proprio per questo, gli sviluppatori di casa Pixologic hanno voluto apportare migliorie significative per questa versione di passaggio tra il "vecchio" e "nuovo", vediamole insieme:

ZMODELER

Immagine by Joseph Drust, clicca per ingrandire

La novità più importante è forse il tool "ZModeler", un sistema di modellazione poligonale intelligente grazie al quale sarà possibile velocizzare il workflow quotidiano, il tutto in maniera semplice.
ZModeler si basa su 2 principi fondamentali: Target e Action ( bersaglio e azione ), in pratica questo tool ha un set di "Target" come "Single Polygon", "PolyGroup" o "PolyGroup Border", grazie a questi Target non dovremo più selezionare manualmente i poligoni dell'oggetto su cui stiamo lavorando prima di effettuare un'azione di modellazione ( e da qui il sistema Target e Action ).
Altre funzioni del ZModeler sono le Qmesh Action grazie alle quali sarà possibile estrudere i poligoni e fondere questi ultimi con altri poligoni adiacenti, oppure si potranno rimuovere blocchi di poligoni tutti insieme.
Importante anche la funzione "Repeat Last" grazie alla quale sarà possibile ripetere l'operazione di modellazione effettuata in precedenza.

Funzione Repeat Last, immagine by Thomas Roussel, clicca per ingrandire

NanoMesh & ArrayMesh

Esempio delle NanoMesh, immagine by Eric Keller, clicca per ingrandire

Grazie alle nuove NanoMesh sarà possibile raggiungere un livello di dettaglio estremamente elevato senza rischiare crash del programma, infatti le NanoMesh consentono di duplicare molteplici volte un oggetto per aggiungere sempre più dettagli e sarà possibile modificare di volta in volta tutte le copie create grazie alla gestione a "Instances" che le trattano come entità individuali.

Creato usando le ArrayMesh, immagine by David Schultz, clicca per ingrandire

Il funzionamento delle ArrayMesh è simile alle NanoMesh, solo che ci consentiranno di modificare il tutto in tempo reale senza tempi di attesa per il rendering, utile per la creazione di oggetti complessi.

ZBrush & Keyshot

Screen Zbrush a Keyshot, immagine by David Richardson, clicca per ingrandire

Grazie all'integrazione tra ZBrush 4R7 e Keyshot 5 sarà possibile connettere questi 2 programmi per produrre render di alta qualità.
Per chi non disponesse della versione stand-alone di Keyshot sarà possibile comprare una versione dedicata esclusivamente a ZBrush ad un prezzo inferiore.

Import/Export

Screen dell'FBX import/export, clicca per ingrandire
Aggiunto il plugin per l'esportazione ed importazione di file in formato FBX, saranno supportate: Texture, normal e displacement maps, blendshapes, smoothing e molto altro.


Il 64 bit

Oltre alla classica versione a 32 bit ne è stata rilasciata anche una a 64, per una maggiore potenza di calcolo e un workflow più fluido, in modo da sfruttare appieno l'architettura dei moderni PC.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...