domenica 26 giugno 2016

Autodesk rilascia 3ds Max 2017, nuovo motore di rendering Art e tante altre novità


Anche quest'anno, Autodesk ha rinnovato 3ds Max, il programma di modellazione 3D e animazione usato da tantissimi studios sparsi per il mondo.

La versione 2017 porta con sé numerose novità che riguardano un pò tutti i principali aspetti del software, ma la più interessante è senz'altro il nuovo motore di rendering Art ( Autodesk Raytracer ), che si affianca a Mental Ray e Iray di Nvidia.

Art è un motore di rendering progressivo di tipo ray tracing puro, fisicamente accurato e già inserito in altri software di Autodesk come Revit, AutoCad, Inventor, Fusion 360 e Showcase.
Art è molto facile da usare e si propone come alternativa valida ai 2 motori di Nvidia.
Il suo pannello impostazioni ricorda molto quello di Iray, dato che permette di selezionare il tempo di rendering oppure il numero di cicli di calcolo.
Molto interessante è la possibilità di stabilire la qualità da raggiungere, misurata in decibel ( dB ) e impostabile numericamente ( da 1 a 100 ) o con dei preset.
In pratica, una volta trovato il valore di qualità desiderato, questo vale per qualsiasi scena, dalla più semplice alla più complessa.

Rendering fatto con Art


Art supporta le luci fotometriche, quelle Ies e il sistema Day Light, inoltre può usare un'immagine HDR come fonte luminosa.
E' possibile inoltre visualizzare il rendering in tempo reale nella finestra Active Shade.

Il nuovo motore offre 2 algoritmi di calcolo:

- Fast Path Tracing, pensato per un'illuminazione indiretta ottimizzata per ridurre il rumore
- Advanced Path Tracing, ideale per scene con interazioni luminose complesse

Art dispone inoltre dell'opzione per trattare le luci puntiformi come sfere o dischi e quelle lineari come cilindri o rettangoli.
E' presente anche un filtro anti rumore impostabile a piacimento.

Naturalmente non sono tutte rose e fiori per questo nuovo motore, infatti manca il rendering tramite GPU e non è presente neppure tramite plugin, quindi bisognerà avvalersi della sola CPU aumentando i tempi di elaborazione.

Un altro rendering eseguito con Art

Parlando dell'interfaccia di 3ds Max 2017, Autodesk ha rinnovato i simboli dei menù che ora sono perfettamente visibili anche con i monitor Ultra HD/4K a Dpi elevati, poichè adesso 3ds Max applica l'ingrandimento stabilito da Windows.
Sempre a proposito dell'interfaccia, ora il programma delinea gli oggetti sorvolati dal cursore del mouse durante una selezione multipla, cosi l'utente può dare la conferma con un clic solo quando è evidenziato l'elemento giusto.

E' stato riorganizzato il browser dei materiali, tra questi spicca il nuovo Physical Material ( sviluppato per Art ), in pratica il successore del materiale arch+design per Mental Ray che ne riprende i numerosi preset.

Rinnovati anche gli strumenti per definire l'illuminazione data dal cielo, se prima era necessario gestire 5 funzioni distribuite in diversi menù, ora è tutto raggruppato nel nuovo Sun Positioner e nella mappa d'ambiente Physical Sun & Sky Environment, dotati di interfacce semplice e snelle.

Anche se in questa release Autodesk si è concentrata più che altro sul nuovo motore Art, è stato aggiornato anche Mental Ray alla versione 3.14.
Ora è presente il nuovo algoritmo Indirect Diffuse ( GI ) pensato per sostituire Final Gathering e che può sfruttare le GPU.

Link utili:

Sito web Autodesk: http://www.autodesk.it/
Download 3ds Max 2017: http://www.autodesk.it/products/3ds-max/overview

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...